Contenuto principale

Messaggio di avviso

mappa circondari 644x1024 1

 

L’iniziativa promossa dal nuovo Consiglio di amministrazione subito dopo l’insediamento è entrata nel vivo con lo svolgimento dei primi due incontri con i Comuni della Valsassina, venerdì 13 maggio, e del circondario di Merate, mercoledì 18 maggio.

 

A seguire l’Ufficio d’ambito incontrerà i circondari:
del Lario orientale, mercoledì 25 maggio alle ore 20.30;
di Lecco, mercoledì 8 giugno alle ore 20.30;
di Oggiono, mercoledì 15 giugno alle ore 20.30;
della valle San Martino, mercoledì 22 giugno alle ore 20.30;
di Casatenovo, mercoledì 29 giugno alle ore 18.00.



Scopo degli incontri è quello di raccogliere indicazioni e suggerimenti per migliorare la programmazione e l’erogazione del servizio idrico integrato, consolidando e potenziando il rapporto tra gli Enti locali e l’Azienda speciale che svolge le funzioni di programmazione, pianificazione, vigilanza e controllo del Servizio Idrico Integrato (costituito dall’insieme dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione) nell’ATO di Lecco, il territorio che coincide con i confini amministrativi della Provincia di Lecco.

Nel corso del primo incontro con i Comuni della Valsassina sono stati toccati numerosi temi, spaziando dalle necessità infrastrutturali ai rapporti con la Società di gestione del Servizio Idrico Integrato, Lario Reti Holding, agli aspetti tariffari. Per tutti questi argomenti sono emerse le peculiarità del territorio della Valsassina che i Sindaci hanno invitato a tenere nella dovuta considerazione nel progressivo perfezionamento di una gestione unitaria.

I Sindaci del circondario meratese hanno invece incentrato l’attenzione sulla comunicazione ai cittadini offrendo, ma anche richiedendo, una maggiore collaborazione con la Società di gestione. In generale dal territorio meratese è giunto l’invito a superare i livelli minimi del servizio da garantire all’utenza, ad esempio, in termini di miglioramento della qualità dell’acqua erogata, affinché sia non solo potabile ma anche gradevole dal punto di vista organolettico (gusto e odore) e minimizzi gli effetti sugli impianti riconducibili alla durezza (calcare).

Costante, in entrambi gli incontri, l’apprezzamento per la volontà degli Amministratori dell’Ufficio d’ambito di potenziare il confronto con i Rappresentanti dei cittadini nei Comuni, e l’invito a rinnovare l’iniziativa anche in futuro o comunque a trovare forme di condivisione e confronto tra gli attori del Servizio Idrico Integrato anche fuori dalle sedi istituzionali deputate ad assumere formalmente le decisioni.

Altri temi ricorrenti sono il miglioramento dei ripristini stradali dopo l’esecuzione dei lavori e l’opportunità, da un punto di vista tecnico, di una estensione della gestione unitaria anche alle reti di drenaggio delle acque meteoriche, tuttora nella titolarità dei singoli Comuni. Su quest’ultimo tema occorre però risolvere preliminarmente il problema del reperimento delle risorse economiche che, ad oggi, non appaiono imputabili alla tariffa del Servizio Idrico Integrato.

Mercoledì 25 maggio la parola passa ai Comuni del circondario Lario orientale dove il Presidente, Marco Domenico Bonaiti, confida di poter finalmente incontrare oltre ai Sindaci, protagonisti dei primi incontri, anche i tecnici comunali: “il loro ruolo è importante anche in vista della successiva definizione, con il coinvolgimento del gestore del Servizio Idrico Integrato, delle modalità di recepimento delle sollecitazioni complessivamente raccolte sul territorio. Complessivamente sono soddisfatto da questi primi incontri e credo che le richieste dei Sindaci di rinnovare anche per il futuro le occasioni di confronto e di scambio siano espressione di condivisione dell’iniziativa promossa dal Consiglio di amministrazione. Dai prossimi incontri riceveremo ulteriori indicazioni di cui faremo tesoro. In questo momento facciamo poche promesse, ma confidiamo di conseguire grandi risultati effettivi a vantaggio della collettività e del territorio.”